ARTICOLO | Economia

Lo stop Russia ai vini della Georgia spinge il Made in Italy

9 luglio 2019
Lo stop Russia ai vini della Georgia spinge il Made in Italy

Il vino italiano potrebbe avvantaggiarsi dalla proposta di bando alle importazioni in Russia delle bottiglie provenienti dalla Georgia e per limitare le rimesse dei lavoratori georgiani. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento all’approvazione da parte della Duma, il ramo basso del Parlamento russo, di una dichiarazione per chiedere al governo di imporre nuove sanzioni contro la Georgia con il congelamento delle importazioni di vino stimate in 50 milioni di bottiglie all’anno. L’Italia – sottolinea la Coldiretti – è leader per il vino in Russia con vendite per 109 milioni di euro nel 2018 e circa il 30% del mercato in valore, anche se le vendite sono risultate pressochè stabili nel primo trimestre del 2019. Il vino italiano – conclude la Coldiretti – non fa parte infatti della black list di prodotti agroalimentari sui quali la Russia a posto l’embargo nell’agosto 2014 come ritorsione alle sanzioni decise dall’Unione Europea.

 

 

 

 

COLDIRETTI – 335 8245417 – 06 4682487 – relazioniesterne@coldiretti.it

Continuando con l'utilizzo del sito, accetti l'utilizzo dei cookies. Approfondisci

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi