ARTICOLO | Economia

Incendi, 20 anni per la ricrescita delle sugherete bruciate

8 agosto 2019
Incendi, 20 anni per la ricrescita delle sugherete bruciate

Serviranno almeno 20 anni per far ricrescere le sugherete bruciate dagli incendi e tornare ad estrarre il pregiato sughero. E’ l’allarme lanciato da Coldiretti in relazione ai roghi che hanno mandato in fumo centinaia di ettari di pascoli, macchia mediterranea e sugherete nel Nuorese in Sardegna dove le fiamme hanno colpito diverse località dell’isola. Gli incendi – sottolinea la Coldiretti – sono favoriti dal vento, dall’ambiente secco e dalle alte temperature con punte previste fino a 42 gradi sulla Sardegna mentre anche in Sicilia nel Trapanese e nel Palermitano i venti di scirocco stanno alimentando le fiamme su pascoli e terreni anche di pregiate zone turistiche come San Vito Lo Capo.

I roghi in Sardegna colpiscono un comparto che vale il 6% di tutto il sughero del mondo per un filiera made in Italy di alta qualità che va dai tappi all’edilizia fino alle calzature.  La quercia da sughero – spiega la Coldiretti – può vivere fino a 250-300 anni, mentre ogni 9 anni si può estrarre il sughero e la perdita anche di una sola pianta rappresenta un danno incalcolabile in termini ambientali ed economici.

Se certamente il divampare delle fiamme è favorito dal clima anomalo, a preoccupare – sottolinea la Coldiretti – è l’azione dei piromani con il 60% degli incendi che si stima sia causato volontariamente. Per ogni bosco andato in fiamme – conclude la Coldiretti – ci sono danni all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo. Nei boschi andati a fuoco – precisa la Coldiretti – sono impedite anche tutte le attività umane tradizionali del bosco.

Continuando con l'utilizzo del sito, accetti l'utilizzo dei cookies. Approfondisci

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi