Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Maltempo: Coldiretti, il fiume po sale di 2 metri in 24 ore

 

Danni all’agricoltura dalla Liguria alla Toscana

Per effetto delle intense precipitazioni il livello idrometrico del fiume Po è salito di circa due metri in sole ventiquattro ore. E' quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti a Pontelagoscuro nella serata del 19 gennaio che evidenzia come il rapido aumento del livello del principale fiume italiano sia significativo delle difficoltà negli altri corsi d'acqua con frane, piene ed esondanzioni come è avvenuto per il fiume secchia. Nelle campagne – sottolinea la Coldiretti - si registrano danni dalla Liguria alla Toscana con intere aziende finite sott’acqua, coltivazioni di frutta e verdura distrutte, serre sommerse e piante di olivo travolte dalle frane e dagli smottamenti che stanno ostacolando la viabilità. Le strutture della Coldiretti si sono attivate per le richieste di soccorso e il monitoraggio dei danni per verificare le condizioni per la dichiarazione di calamità. Il maltempo – precisa la Coldiretti - si è infatti abbattuto su un territorio fragile con la percentuale di comuni con parte del territorio a rischio frane ed alluvioni che varia dal 98 per cento in Toscana e Liguria al 95 per cento in Emilia Romagna colpite dall’ondata di maltempo. Siamo di fronte - continua la Coldiretti - ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici che si stanno manifestando con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi ma intense ed il repentino passaggio dal sereno al maltempo con vere e proprie bombe d'acqua che il terreno non riesce ad assorbire. Nell'82 per cento dei Comuni italiani sono presenti aree a rischio idrogeologico per frane e/o alluvioni ed oggi ben 5 milioni di cittadini vivono in zone di pericolo. A questa situazione - denuncia la Coldiretti - non è certamente estraneo il fatto che un modello di sviluppo sbagliato ha tagliato del 15 per cento le campagne e fatto perdere negli ultimi venti anni 2,15 milioni di ettari di terra coltivata. Ogni giorno - conclude la Coldiretti - viene sottratta terra agricola per un equivalente di circa 400 campi da calcio (288 ettari) che vengono abbandonati o occupati dal cemento.


CATEGORIA: maltempo
Notizie correlate

06 giugno 2017 - ​Dalla Lombardia al Triveneto nubifragi violenti, bombe d’acqua e grandine con chicchi come noci hanno colpito a macchia di leopardo l...


CATEGORIA: maltempo;coldiretti;

21 maggio 2017 - Cereali, ortaggi e frutta, ma anche vigneti sono stati colpiti dall’ondata di maltempo che con bombe d’acqua e grandine ha colpito le ...


CATEGORIA: maltempo;coldiretti;

20 maggio 2017 -   Centinaia di milioni di euro di danni nelle campagne in pazza primavera   Nubifragi con bombe d’acqua e grandine hanno colpito a ...


CATEGORIA: maltempo;coldiretti;

07 maggio 2017 - ​La pioggia è importante per dissetare i campi resi aridi dalla siccità ma per essere utile deve cadere in modo costante e leggero men...


CATEGORIA: maltempo;danni;
<< PRECEDENTE  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 SUCCESSIVO >>